Cerca:


Itinerario 21:
Circuito urbano di Mendrisio

Carta sinottica

Itinerario 21

-

2 h

 5 km

Dati tecnici

Dalla stazione ferroviaria di Mendrisio si segue la strada cantonale, in direzione di Capolago, per alcune centinaia di metri, fino a trovare, sulla destra, la deviazione evidenziata da un pannello stradale indicante la Piscina comunale, posto in corrispondenza di una piccola cappella. 

Seguendo l’indicazione, si piega a sinistra, in Via S. Martino, e Chiesi attraversano i due sottopassaggi che oltrepassano la strada cantonale e la ferrovia. Un centinaio di metri oltre quest’ultimo, sulla destra, segnalata da una pannello marrone, si trova la deviazione che porta all’isolata chiesa di S. Martino. 

Dalla chiesa si percorre a ritroso la Via S. Martino tornando alla piccola cappella da dove si prosegue per il cimitero. 
Qui giunti si piega a sinistra e, sempre seguendo la Via S. Martino, si sbuca sulla vecchia strada cantonale che si segue per un breve tratto sino all’ingresso del nucleo storico. 

Sulla sinistra si trova l’oratorio di S. Maria delle Grazie. Piegando a sinistra si passa la vecchia porta del borgo per entrare, fatti pochi passi, nella Piazzetta dei Serviti sulla quale si affacciano la chiesa di S. Giovanni e il Convento dei Serviti. 
Proseguendo per la Via Vecchio Ginnasio si giunge alla chiesa di S. Maria in Borgo. Dalla chiesa s’imbocca ora la Via Rusca, delimitata da antichi edifici tra i quali spicca il Palazzo Busioni

Si percorre tutta la viuzza sino a giungere alla chiesa parrocchiale dei SS. Cosma e Damiano.
Scendendo la monumentale scalinata verso la Piazza del Ponte si può notare, sulla destra, il resto di una medievale torre. Sull’angolo settentrionale della piazza, alle spalle della torre, si trova il Palazzo Torriani. 

Continuando il circuito, dalla Piazza del Ponte s’imbocca la strada che sale sulla sinistra fino al Largo Mario Soldini dove si trovano i pannelli escursionistici, sulla destra, che indicano la “Dorsale pedestre Stella 91”. 
Seguendo la segnaletica, si sale la scalinata e quindi la Via Antonio Soldati che porta alla chiesa di S. Sisinio nella frazione di Torre. 

Da S. Sisinio si ridiscende la carrozzabile per raggiungere il vicino Palazzo Pollini. Dal palazzo si piega a sinistra percorrendo prima il Corso Bello e quindi il Vicolo Odescalchi, alla fine del quale si trova il viale alberato che porta alla chiesa di S. Francesco
Leggermente arretrato rispetto alla chiesa si trova l’edificio dell’ ex Ospedale della Beata Vergine, oggi sede dell’Accademia di Architettura. 
Sulla sinistra, invece, alla fine del vicolo, si delinea la facciata di Villa Argentina
Concludendo il circuito, da S. Francesco si percorre a ritroso il viale alberato, si imbocca, sulla sinistra, la Via Barozzini e quindi il Viale della Stazione che riporta al punto di partenza.

(foto ©  MLV)

 


 

)